Addio a Windows XP

8 aprile 2014: una data da segnare.


Dopo oltre dodici anni, giunge al capolinea l'avventura di Windows XP. Quel giorno Microsoft rilascerà gli ultimi aggiornamenti per il sistema operativo più longevo della sua storia (ha esordito sul mercato nell'estate del 2001), quello con cui hanno imparato a familiarizzare decine di milioni di utenti nel mondo. A comunicarlo lo stesso colosso informatico di Redmond con un messaggio stringato ma quantomai eloquente: "Ora è il momento di passare ad un più moderno sistema operativo Windows e modernizzare l'infrastruttura IT".

L'abbandono per molti non sarà indolore, infatti nonostante ben tre differenti prodotti (Vista, 7 e 8) abbiano tentato di raccogliere l'eredità di XP, questo risulta ancora installato su un terzo dei computer del mondo.
Nel frattempo, però, gli utenti di internet sono cresciuti dai circa 360 milioni del 2001 ai 2 miliardi e mezzo di oggi. Le connessioni veloci e wi-fi sono sempre più diffuse. Sono nati i social network, i programmi di videochiamata e videochat. I contenuti sono diventati molto complessi e impegnativi per computer e piattaforme. Così, lo scenario tecnologico nel quale è partita l'avventura di XP è attualmente paragonabile a due o tre ere geologiche fa. 


I rischi di rimanere ancorati a Windows XP.

La scelta di Microsoft di non supportare questo sistema operativo, apre scenari nuovi, soprattutto sotto il profilo della sicurezza
Il prossimo 8 aprile sarà online l'ultimo pacchetto di aggiornamenti per la produttività e la sicurezza destinati a Windows XP. Da quel giorno Microsoft non fornirà più alcuna patch di correzione né assistenza tecnica e i computer che continueranno a connettersi in rete saranno ogni giorno più esposti ad attacchi di virus, spyware e malware che potranno così creare notevoli problemi di funzionamento del PC, se non proprio rubare informazioni private. 

Tim Rains in persona, direttore del gruppo Trustworthy Computing di Microsoft, comunica che: "Il mese successivo al ritiro di Windows XP, criminali informatici di tutto il mondo inizieranno ad effettuare il reverse engineering degli aggiornamenti rilasciati per verificare se le vulnerabilità corrette nei sistemi operativi più recenti siano invece presenti su Windows XP".

Privati e aziende di fronte a un bivio. Cosa fare?

La risposta in questo caso è semplice, rivolgersi ad EclypseGroup allo 06.452.213.208 o scrivendo a info@eclypsegroup.com




Il lungo countdown è iniziato. Rimangono tre mesi di tempo per fare la propria scelta.
Share on Google Plus